Situazione del paese

Capitale: New Delhi
Superficie: 3.287.782 km²  
Popolazione: 1 335 250 000 ab.
Etnie: Le etnie principali possono essere suddivise in due, anche se ci sono numerosissime sfumature determinate dalla loro fusione: quella ariana (alta statura e pelle chiara) e quella dravidica (bassa statura e pelle scura). Al nord prevalgono le derivazioni ariane mentre al sud quelle dravidiche.
Religione:  Induista (80, 3%) , musulmana (11%).
Mortalità infantile: 64,9 morti per mille (Italia: 5,7 per mille)
Speranza di vita:  70 anni circa
Alfabetizzazione: 61%
Popolazione sotto la soglia di povertà: 35%.

 

L'India è uno dei più grandi e popolosi Paesi al mondo, il settimo se si considera l’estensione avedo una superficie di oltre 3 milioni di kmq. Il paese confina ad est con la Birmania, a nord-est con il Nepal, ad ovest con il Pakistan e a nord con la Cina. Il territorio si può suddivide in tre principali aree: la barriera montuosa dell'Himalaya a settentrione; la zona intermedia, una tra le più densamente popolate del mondo che comprendente le pianure alluvionali formate dal fiume Gange; infine la parte peninsulare del Deccan, protesa sull'Oceano Indiano, in cui le rive del Golfo del Bengala rappresentano la parte più coltivata e popolata.

L'India, con una popolazione che supera il miliardo di abitanti ed una densità di popolazione di 274 abitanti/kmq è  il secondo Paese al mondo dopo la Cina. Il 76% della popolazione vive nelle zone rurali, mentre la restante parte si concentra nei grandi centri urbani della capitale Nuova Delhi, di Bombay e Calcutta.

Nel 1500 iniziano i primi contatti commerciali con il mondo europeo che hanno aperto la strada alle future campagne coloniali del 1800. Il padre della patria è Mohandas Karamchand Gandhi, detto Mahatma («grande anima»). L’India era una colonia inglese ma lentamente grazie soprattutto ai movimenti pacifici di disubbidienza civile, iniziati nel 1919 proprio sotto la guida di Gandhi, intraprende un cammino che l’avrebbe portata nel 1947, due anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, ad ottenere l’indipendenza dall’Inghilterra.

Democrazia e pianificazione sono stati i principi fondanti di Jawaharlal Nehru, il primo capo di governo dell’India indipendente. Peculiriarità dell’età nehruviana è stata  inoltre la strategia del non allineamento che fondamentalmente si concretizzava nel fatto che l’India, insieme ad altri 29 stati africani ed asiatici, non condividesse la visione del mondo rappresentata dai due blocchi contrapposti: quello sovietico e quello statunitense.

Dopo l'indipendenza vengono portate avanti lotte di religione, fra le caste e si succedono insurrezioni in varie parti del Paese che fortunatamente si è provveduto ad arginare attraverso la tolleranza e le riforme costituzionali. In India però si sono avvcendati sempre vari movimenti separatisti, a causa delle diverse etnie che la popolano, sviuppando di conseguenza nel corso degli anni numerose guerre nella regione, come ad esempio quella con la Cina nel 1962, nella quale subisce gravi perdite, o quella, per la attuale irrisolta questione della regione del Kashmir, con il Pakistan, suo vicino e dotato di armi nucleari come del resto la stessa India.

Un ulteriore importante problema di sicurezza in India è rappresentato dal terrorismo, in particolare nel Jammu e Kashmir, nel nord-est dell'India e recentemente anche nelle grandi città come Delhi e Mumbai. L'attacco del 2001 al Parlamento indiano rimane l'attentato più grave.

L’India pertanto si caratterizza come Paese dai grandi contrasti, con il 60% della popolazione ( le caste “basse”) ancora dedita all’agricoltura, con un reddito pro-capite piuttosto basso, nonostante si collochi oggi al decimo posto come potenza industriale grazie soprattutto alla varietà ed all'abbondanza di risorse naturali e di manodopera qualificata. I “fuori casta “ però sono parecchi, circa 130 milioni, in condizioni di grande precarietà e discriminazione sociale.

Il lavoro minorile è molto diffuso ed occupa dai tre ai quattro milioni di bambini nelle fornaci dei mattoni ed un milione nelle fabbrice di tappeti fra India e Pakistan. Altra piaga drammaticamente evidente è la discriminazione delle donne che si manifesta molto presto, soprattutto fra le classi più povere, con la pratica frequente dell’infanticidio delle bambine, se non si è già provveduto con l’aborto selettivo. Questa pratica sembra si possa ricondurre alla dote che ogni famiglia deve garantire alle ragazze e che rappresenta pertanto una spesa insostenibile per le famiglie in condizioni più precarie. Un recente censimento evidenzia inoltre che gli analfabeti sono circa metà della popolazione adulta, e fra questa il 62 % è costituito da donne.

Negli ultimi anni sono stati fatti passi molto significativi per raggiungere l’autosufficienza alimentare; rimangono tuttavia il problema del possesso della terra per i piccoli agricoltori e tutte le nuove probematiche che l’economia di tipo occidentale sta causando in una società in bilico tra modernità e tradizione millenaria


NOTIZIE E PROGETTI DALL'INDIA

Ristrutturazione Scuola Cattolica di Padre Kumar

Ristrutturazione Scuola Cattolica di Padre Kumar

Mentre gli abitanti degli stati dell’India Settentrionale sono per lo più di razza ariana, lo stato meridionale del Tamil Nadu…

Scopri di più!
Sostenere l’avviamento imprenditoriale

Sostenere l’avviamento imprenditoriale

Sostenuto in India il progetto delle Suore Salesiane di Madras. L’obiettivo è di sostenere l’avviamento imprenditoriale…

Scopri di più!
Altre lingue »