Vocational Training Center per il recupero di ex-bambini soldato e delle loro madri.



Notice: wpdb::prepare è stato richiamato in maniera scorretta. La query non contiene il numero corretto di segnaposti (2) in relazione al numero di argomenti trasmessi (3). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.8.3.) in /var/www/vhosts/auxiliafoundation.org/httpdocs/wp-includes/functions.php on line 4161

Notice: wpdb::prepare è stato richiamato in maniera scorretta. La query non contiene il numero corretto di segnaposti (2) in relazione al numero di argomenti trasmessi (3). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.8.3.) in /var/www/vhosts/auxiliafoundation.org/httpdocs/wp-includes/functions.php on line 4161

Dal rapporto di “Save the Children”, emerge che il 40 per cento dei contingenti di minorenni, arruolati a forza da governi o milizie, è formato da ragazzine.  Le bambine sono utilizzate come combattenti o portatori, per fare le pulizie o cucinare, o come schiave del sesso. I paesi dove maggiormente vengono arruolate le ragazze sono Sri Lanka e Repubblica Democratica del Congo. Nello Sri Lanka il 43 per cento dei 51mila minorenni coinvolti nella guerra delle Tigri Tamil contro il governo centrale sono giovani donne, mentre in Congo le schiave sono almeno 12mila.


Il Centro Polivalente di Educazione ed Orientamento (Vocational Training Centre)  è stato inaugurato il 19 marzo 2013 alla presenza dell’amabasciatore Fabrizio Arpea e delle Nazioni Unite. All’interno del centro vengono sviluppati progetti di microcredito e microimprenditoria che prevedono corsi di formazione Teorico-pratico per avviare attività in grado di produrre un reddito. Nel territorio @uxilia sta sviluppando il sostegno a distanza e ricerca “genitori” disponibili ad adottare le coppie madre-bambino per permettere il mantenimento della relazione parentale e il sostegno di educazione, istruzione, salute.

All’interno della struttura sono state attrezzate le aule per la realizzazione delle attività formative teorico-pratiche e professionalizzanti rivolte alle donne dei villaggi rurali del territorio di intervento ed alla comunità locale. E’ stato altresì creato un ufficio con funzioni di sportello per informazioni relative alle modalità di fruizione del Centro e delle iniziative realizzate ed in corso, quali laboratori professionali, corsi di formazione teorico-pratici, attività di micro imprenditoria e prossime iniziative in programmazione. Il Centro ha svolto e svolge la funzione di luogo di incontro, riunione ed assemblea aperto alla popolazione ed agli operatori di altre associazioni ed organizzazioni locali per occasioni di incontro e confronto su temi a argomenti di interesse ed attualità.Il terreno adiacente  e di pertinenza del Centro è stato utilizzato ai fini dei corsi di formazione teorico pratica per l’acquisizione delle competenze di micro-giardinaggio e sarà deputato a tale funzione a favore dei fruitori del Centro stesso, in collaborazione con il personale  dello staff che fa capo all’associazione Koinonia, quali tecnici, custodi e altri collaboratori.

Al termine delle attività offerte dal Centro, corsi formativi e servizi di sostegno psico-sociale, ci si aspetta di rilevare un aumento della capacità di adattamento da parte dei giovani ex-bambini soldato, un aumento delle capacità di supporto delle madri nell’educazione e gestione dello sviluppo sociale ed un miglior reinserimento dei giovani in famiglia, nella scuola, nel gruppo dei pari e nel mondo del lavoro rispetto alla situazione di partenza.E’ previsto inoltre l’ampliamento della costruzione della struttura con altri locali che saranno adibiti ad home children per l’accoglienza, anche residenziale, di minori in stato di abbandono, vittime di abusi o in condizioni di povertà estrema  ed a rischio di esclusione sociale, ed altre iniziative quali la promozione di campi di studio-lavoro e per l’ospitalità di studenti e cooperanti per attività di volontariato sul campo ed esperienze di cooperazione allo sviluppo, stage e tirocini universitari.


 “Adotta un’imprenditrice” è l’evoluzione di questo progetto che può coinvolgere anche la rete aziendale italiana. Attraverso il contributo di aziende italiane è possiamo aiutare queste donne ad avviare attività generatrici di reddito che consentano loro di emanciparsi da una condizione di povertà, violenza ed esclusione sociale. Le donazioni consentiranno loro di ricevere una formazione professionale adeguata e di sostenere materialmente l’ideazione e la realizzazione di piccole realtà imprenditoriali, garantendo la copertura dei costi iniziali per un periodo propedeutico all’entrata a regime dell’attività economica.
Con 25 euro: si può contribuire all’acquisto del materiale didattico e formativo (cancelleria, tessuti e filati per le attività di sartoria e per la costruzione e manutenzione di reti da pesca)
Con 50 euro: si può contribuire al sostegno dello stipendio di un’insegnante per un mese
Con 80 euro: si può contribuire all’acquisto di una macchina da cucire
Con 200 euro: si può sostenere per un anno una donna dello Sri Lanka, contribuendo alla sua formazione professionale e all’avvio di un’attività generatrice di reddito
Soggetti beneficiari: Ex bambini soldato e le loro madri

Città / Regioni coinvolte: Batticaloa

Periodo di realizzazione: agosto 2011 – marzo 2013

Fondi di finanziamento: Fondi Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia; Donazioni aziende e privati; Fondi raccolti Concert for Life

Costo complessivo per l’anno 2012: 24.200,00 euro

Stato progetto: in corso il sostenimento del centro e delle sua attività

VIDEO DELLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO ALL’EXPO MILANO 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *