Situazione del paese

Capitale: Sri Jayawardenapura Kotte
Superficie: 65.610 Kmq (3 volte la Sardegna)
Popolazione: 21.000.000 ab.
Etnie: 75% cingalesi, 18% tamil, 7% moor, 1% altri
Religione: 70% buddisti, 15% induisti, 8% cristiani, 7% musulmani
Mortalità infantile: 15 per mille (Italia: 5,7 per mille)
Speranza di vita: 70 M, 75 F (Italia: 76 M, 82 F)
Alfabetizzazione: 92% (Italia: 98%)
Popolazione sotto la soglia di povertà: 22%.

 

Lo Sri lanka è un’isola dell’oceano Indiano a sud dell’India ed è una Repubblica semipresidenziale facente parte del Commonwealth britannico. Il paese è stato stravolto da una guerra civile insorta nel 1983 e terminata nel 2009 in cui si sono scontrati il governo cingalese e le Tigri di liberazione del Tamil (LTTE).

I Tamil sono una popolazione originaria dell’India meridionale. Durante la colonizzazione Inglese dello Sri Lanka nel XIX secolo, 500.000 Tamil vengono deportati per coltivare le piantagioni coloniali britanniche. I Tamil non sono mai stati ben accetti dalla popolazione locale ed alla fine del periodo coloniale rimangono privi di molti diritti. In questo contesto nasce nel ‘76 il movimento armato delle Tigri Tamil che rivendica l’indipendenza del nord-est dell’isola, il cosiddetto Tamil Eelam.

Un tentativo di risoluzione pacifica del conflitto è promosso nel 2002 attraverso la mediazione Norvegese. Questo “cessate il fuoco” viene però compromesso inizialmente nel 2005 con l’elezione del presidente nazionalista Mahinda Rajapaksa e in un secondo tempo nel 2008, con la recessione unilaterale del governo dello Sri Lanka da una risoluzione politica al conflitto.

La ripresa della guerra civile è caratterizzata da una violenza senza precedenti, l’esercito nazionale imposta un’offensiva militare con un impiego massiccio di uomini, artiglieria e aviazione.  Il conflitto si conclude nel 2009 con la riconquista di tutto il nord-ovest e la sconfitta delle Tigri Tamil.

La popolazione civile è stata la prima vittima del conflitto armato avendo subito gravi violazioni dei diritti umani sia da parte delle Tigri Tamil sia da parte dell’Esercito Governativo. Quest’ultimo infatti è responsabile delle tortutre e degli stupri della popolazione Tamil. Nel ’98 venne scoperta una fossa comune contenente  trecento/quattrocento corpi di Tamil e tra il '96 e il '97 si sono perse le notizie di almeno altri seicento arrestati dalle forze di sicurezza cingalesi ( la Commissione d'inchiesta documenta però la scomparsa di solo 271 casi).

Inoltre la popolazione sfollata dalle zone di combattimento e stipata nella 'No Fire Zone' (trecentocinquanta mila circa) non è scampata ai violenti bombardamenti governativi che hanno provocato almeno venti mila morti civili. Al termine del conflitto i sopravvissuti, quasi trecentomila, sono stati rinchiusi in massa in campi militari, suscitando proteste da parte della comunità internazionale.

Le Tigri Tamil dal canto loro oltre a compiere numerosi attentati kamikaze, anche contro la popolazione civile, hanno condotto una politica di reclutamento dei bambini soldato. Secondo l’Unicef, in due anni sarebbero 3.516 i minori rapiti e costretti a combattere e solo 1.206 sono stati rilasciati.

@uxilia onlus entra in contatto con la realtà locale nel dicembre del 2004, in seguito al disastro causato dallo tsunami che  provoca la morte di 31mila persone e migliaia di dispersi. I nostri volontari in loco scoprono una situazione estremamente critica soprattutto per la tutela dei minori. I problemi princilali che emergono sono due: 1) Gli abusi sessuali tacitamente consentiti e diffusi nella socetà verso i minori, tanto che le stime parlano del 30% della popolazione maschile e del 20% di quella femminile inferiore ai 5 anni. 2) Il reclutamento dei bambini soldato portato avanti dai guerriglieri Tamil.

Le conseguenze di entrambe le esperienze sono devastanti sui bambini ed a questo si aggiunge una totale assenza di sensibilità da parte del Paese per il recupero e l’assistenza delle giovani vittime. Infatti in Sri Lanka il carcere minorile è l’unica istituzione prevista per “difendere” i bambini dagli adulti, non esistendo case famiglie, orfanotrofi e nessun titpo di assistenza psicologica. Così dopo essere intervenuti a fianco della popolazione civile per la ricostruzione post tsunami i nostri volontari si sono attivati per attuare progetti a favore dell’infanzia violata.


NOTIZIE E PROGETTI DALLO SRI LANKA

Bambini in carcere

Bambini in carcere

Bambini inseirti in procedimenti carcerari per mancanza di assistenza sociale in Sri Lanka verso handicap e malattie, se…

Scopri di più!
Invio di viveri a Batticaloa

Invio di viveri a Batticaloa

In Srilanka nel distretto di Ampara per guerre e tzunami un totale di  3212 persone, principalmente donne e bambini sono morti…

Scopri di più!
Barche per i pescatori

Barche per i pescatori

La Provincia di Udine dona ad @uxilia ONLUS 12.000 euro per riacquistare le barche distrutte dal maremoto, permettendo…

Scopri di più!
Scuola a PeriyaKallar

Scuola a PeriyaKallar

Realizzata con fondi Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, donazioni di aziende e privati e grazie alla raccolta fondi…

Scopri di più!
Scuola a Kaluwankerny

Scuola a Kaluwankerny

Grazie a 6.000 euro raccolti dal fundraising di @uxilia ONLUS è stata finanziata la ricostruzione di una scuola per bambini in…

Scopri di più!
Reinsediamento di 23 famiglie a Batticaloa

Reinsediamento di 23 famiglie a Batticaloa

Inizialmente vi erano 40 famiglie destinate al reinsediamento, ma solo 23 famiglie hanno potuto rientrare nel loro villaggio…

Scopri di più!
Il sostegno dopo l’alluvione in Srilanka

Il sostegno dopo l’alluvione in Srilanka

@uxila ha sostenuto economicamente le famiglie che hanno perso i loro beni durante le recenti inondazioni nel…

Scopri di più!
Intervento chirurgico all’ex ragazza soldato

Intervento chirurgico all’ex ragazza soldato

Pratheepa a 16 anni è stata rapita e costretta a diventare soldato per essere utilizzata durante la guerriglia e i combattimenti di…

Scopri di più!
Concert for Life: Elisa per @uxilia

Concert for Life: Elisa per @uxilia

La prima edizione del Concert for Life è stato fortemente voluto dal Comune della città longobarda e dal sindaco Stefano Balloch per…

Scopri di più!
Vocational Training Center per lo Sri Lanka

Vocational Training Center per lo Sri Lanka

Le bambine sono utilizzate come combattenti o portatori, per fare le pulizie o cucinare, o come schiave del sesso…

Scopri di più!
Kit scuola per i bambini in Sri Lanka

Kit scuola per i bambini in Sri Lanka

I soci e i simpatizzanti di @uxilia hanno sostenuto i bambini dello Sri Lanka con un regalo per le festività: il “KitScuola” è…

Scopri di più!
Attività di microcredito

Attività di microcredito

Il presente progetto è stato realizzato all’interno Vocational Training Center di @uxilia. L’obiettivo è stato quello di…

Scopri di più!
Progetti sanitario per l’AKI

Progetti sanitario per l’AKI

Analisi del territorio dello SriLanka per valutare la possibilità di realizzare il progetto per l’utilizzo della dialisi peritoneale per…

Scopri di più!
Sostegno a distanza Madre-Bambino

Sostegno a distanza Madre-Bambino

@uxilia realizza il progetto di sostegno a distanza per le coppie madre-bambino nei villaggi del territorio di Batticaloa…

Scopri di più!
CaRE: formazione inclusiva a Batticaloa

CaRE: formazione inclusiva a Batticaloa

Attraverso questo progetto abbiamo attivato corsi di formazione mirati al rafforzamento delle capacità…

Scopri di più!
Altre lingue »