Vincenzo Vavuso

Vincenzo Vavuso nasce a Caserta il 22 ottobre 1972 e fin da piccolo si lascia coinvolgere dalla passione per le arti figurative.

Completa gli studi nella sua città natia e alla fine degli anni ’90 si reca a Salerno, dove, anche grazie allo stimolo di un paesaggio unico, progressivamente, dà inizio al suo cammino artistico.

Molte sono le città in cui sono state esposte le sue opere in mostre personali: Salerno, Roma, Firenze, Udine, Maiori (Sa), Napoli, Palermo, Dubai.

L’ultima performance: “Rabbia e Silenzio” è una mostra d’arte visiva itinerante, già presentata nel periodo di settembre/ottobre 2013 alla Pinacoteca Provinciale di Salerno, successivamente è stata ospitata alla Galleria d’Arte Contemporanea “RossoCinabro” di Roma, dal 7 ottobre 2013 al 27 gennaio 2014 e toccherà molte altre città italiane ed estere.

Lo stesso evento nel mese di aprile 2014 verrà patrocinato e presentato nel Comune di Sanremo, mentre nel mese si dicembre sarà ospitato presso il Museo di Rocca Flea di Gualdo Tadino e nel maggio 2015 sarà la volta del Museo d’Arte Contemporanea di Miami.

 

Pittoscultura olio su tavola con applicazioni 105 cm x 150 cm x 22 cm
2014

 

Molte sono le sedi che ospitano permanentemente le sue opere. La Basilica di San Marco Firenze ha acquisito l’opera titolata: Alieno (olio su tela), mentre il Museo di Villa Bruno in San Giorgio a Cremano (Na) detiene l’opera titolata: Fiore mediterraneo (olio su tavola), come l’Ente Istituzionale del Ministero della Difesa è proprietario dell’opera: Sarno (olio su tela), infine la Galleria “Rosso Cinabro” vanta tra la sua collezione di opere la cromoscultura Saper Vedere.

L’artista Vincenzo Vavuso non ha organizzato solo mostre personali, ma è stato ospitato in varie collettive e concorsi artistici, ottenendo significativi riconoscimenti, tra cui: medaglia d’argento a La Pergola Arte (Firenze 2010), con l’opera Tempesta; medaglia d’oro al concorso Lilly Brogi (Firenze 2011) per l’opera Tempesta nel cosmo; medaglia d’argento al Concorso Internazionale L’ecologia e l’ambiente 2011 con l’opera Cantiere in disuso e nel 2012 con l’opera Distruzione.

Ha pubblicato due volumi d’arte: “La pittura: l’espressione di noi stessi” (edito da Terra del Sole, 2011) e “Rabbia e Silenzio (edito da Cervino Edizioni, 2014) che teorizza l’ultimo ciclo produttivo dell’artista e le ragioni dello stesso progetto, si tratta di un volume d’arte con riferimenti concettuali dell’artista.

Il nome di Vincenzo Vavuso è presente in diversi cataloghi ed Enciclopedie d’Arte, tra i quali Enciclopedia Mondadori, La via italiana all’informale, e su cataloghi e riviste di settore come: Effetto Arte, Urbis et Artis, Elite 2014 di Artitalia “Artista Selezionato”. Le sue opere sono presenti in Amsterdam Gallery, Saatchi online, Orler Lab e Commanducci Arte.

Altre lingue »